I contenuti di qualità rappresentano il modo migliore per farsi trovare da nuovi clienti e per migliorare la propria presenza online. “Content is the king”, diceva Bill Gates, sottolineando l’importanza dei testi sul web, ma anche la necessità che fossero realizzati in un modo specifico o, per meglio dire, “confezionati” per il pubblico.

Costruire contenuti di qualità, per un blog o per i social, non è un’impresa semplice. Servono conoscenze, pratica e voglia di mettersi in gioco. Esistono però alcune regole principali che possono aiutare i professionisti a creare dei testi che siano a regola d’arte. Scopriamo gli step per scrivere un contenuto di qualità e non sbagliare.

Scrivere contenuti di qualità: come individuare le keyword e le query

Per prima cosa è importante studiare le ricerche fatte su Google dai lettori. Per farlo l’azienda di Mountain View ci ha messo a disposizione vari strumenti. Il più famoso è Google Trend, un tool che ci aiuta a definire le ricerche per argomento distribuite nello spazio e nel tempo. A questo strumento si affianca Keyword Planner che consente di studiare i volumi di ricerca di una query. Può risultare valido per trovare un topic da cui partire e capire cosa la audience cerca, soprattutto se unito a Google Suggest, il completamento automatico del motore di ricerca che consente di scoprire tutte le declinazioni di un argomento.

Altri tool utili per ideare contenuti di qualità? Ubersuggest e SuggestMrx, che raccolgono i suggest di Google organizzandoli in ordine alfabetico. In questo caso basta inserire una key nello spazio apposito, ad esempio “cane”, e analizzare le parole legate ad essa.

Scrivere contenuti di qualità: un testo costruito per il web

Una volta individuato il punto di partenza e l’argomento sarà necessario iniziare a scrivere. Come? Per prima cosa dobbiamo prendere coscienza del fatto che la scrittura per il web è completamente differente da quella su carta. I testi online sono studiati per essere letti in pochi secondi e devono contenere le informazioni concentrate soprattutto nella parte iniziale, diventando sempre più specifici man mano che si procede nella lettura. Le regole del web copywriting, non a caso, prevedono l’inserimento delle keyword principali nelle prime righe del contenuto. Chi legge vuole avere la certezza che lì troverà quello che cerca, in caso contrario andrà a cercare una risposta alla sua domanda da un’altra parte.

Questo non significa che un contenuto online non deve essere curato allo stesso modo di uno cartaceo. Al contrario, vanno rispettati alcuni aspetti chiave:

  • Le fonti: devono essere attendibili e certe
  • La scrittura: deve essere chiara e semplice, fluida per essere fruita da qualsiasi dispositivo. Frasi brevi, grassetti per evidenziare le parole più importanti e paragrafi favoriranno la lettura.
  • Gli approfondimenti: devono essere presenti link che consentano di effettuare degli approfondimenti di qualità, permettendo all’utente di scoprire qualcosa di più su un determinato tema.

Scrivere contenuti di qualità: la passione, una marcia in più

Cosa distingue un contenuto di qualità da uno mediocre? Oltre alle regole descritte sopra anche la passione. Se chi scrive conosce l’argomento riuscirà a mettere nel testo un surplus che verrà notato dai lettori e gli conferirà un valore maggiore. Inserire le proprie esperienze personali, opinioni o consigli consente di dare una marcia in più a un contenuto aumentando il suo valore e la qualità.

Leave a Reply