Chi è e cosa fa un content manager?

Come si diventa un content manager?

Com’è la loro giornata tipo?

Mentre il content marketing fa parte del vocabolario del marketing da oltre un decennio, lo stesso mondo del marketing ha ancora problemi a riconoscere e a dare la giusta importanza alla figura del content manager.

L’obiettivo di questa guida è fornire risposte reali a ciò che è un content manager (o content strategist), a cosa fanno e a come puoi diventarlo.

Iniziamo subito.

Qual è la definizione di content manager?

content manager

Definizione breve

Un content manager (o content strategist) è un marketer responsabile della costruzione e/o gestione della content strategy di un brand.

Definizione lunga

Un content manager è un marketer con una vasta gamma di competenze di marketing dei contenuti (ad es. SEO, creazione di contenuti, promozione dei contenuti, editing, sviluppo di personaggi, social media, ecc.) che utilizza tali competenze per costruire, gestire, eseguire e far crescere la strategia dei contenuti di un brand.

Un content manager Web è innanzitutto un inbound marketer

Usano le loro conoscenze, abilità e talenti per aiutare i brand ad attirare l’attenzione in maniera organica.

Il marketer tradizionale, d’altra parte, è in genere etichettato come un interruption marketer.

Trascorrono il loro tempo a competere con milioni di altre aziende per interrompere e attirare l’attenzione dei consumatori.

Un content strategist lavora per capire il proprio pubblico e usa quella conoscenza per costruire una strategia di content marketing che si concentri sui desideri, i bisogni e i desideri di quel pubblico.

Qual è il lavoro principale del content manager?

L’obiettivo di un content manager nel business B2B o B2C è semplice: sviluppare una strategia di contenuti che guidi il traffico targettizzato con l’inbound marketing verso il funnel di vendita.

Il loro obiettivo primario è aumentare le entrate e la redditività (che è lo stesso obiettivo di qualsiasi operatore di marketing B2B o B2C).

Tuttavia, anche i content manager svolgono un ruolo guida nella costruzione della fedeltà al marchio e nel miglioramento della fidelizzazione dei clienti.

Questa (la parte relativa alla fidelizzazione dei clienti) è l’ennesima differenza fondamentale tra l’inbound marketing e l’interruption marketing (noto anche come marketing tradizionale o marketing di uscita).

Quando sviluppi una content strategy, il tuo obiettivo iniziale è ovviamente quello di guidare il traffico.

Da lì, vuoi trasformare quel traffico in lead.

E, da lì, vuoi trasformare questi lead in vendite.

Ma una volta che la vendita viene effettuata e un lead diventa un cliente, è necessaria una forte strategia di contenuto per trasformare questi clienti in clienti a lungo termine.

Quindi, in sostanza, l’obiettivo di un content manager è utilizzare i contenuti per ottimizzare le quattro parti essenziali della canalizzazione delle vendite in entrata:

  1. Guidare il traffico in entrata
  2. Convertire il ​​traffico in lead
  3. La conversione porta alle vendite
  4. Fidelizzare i clienti

Qual è la giornata tipo di un content manager?

Uno degli aspetti intriganti dell’essere un content manager è che non esistono due giorni uguali. Così come, a seconda del campo di business in cui ci si trova, il lavoro del content manager sarà molto diverso.

Come content manager di Lapenna Del Web, seguendo anche le notizie calde ad esempio, passo molto, moltissimo tempo al telefono con i miei clienti e con i miei collaboratori per allinearci e scegliere la giusta strategia per attirare più lettori (clienti). Spesso, la strategia scelta alle 7 di mattina non sarà la stessa strategia scelta per la fascia oraria pomeridiana.

Se sei un content manager di un brand di e-commerce che vende ad esempio costumi da bagno, probabilmente non passerai molto tempo al telefono a guidare i clienti attraverso la strategia dei contenuti (non avrebbe molto senso).

Magari passerai il tuo tempo a fare cose come:

  • Creazione, ottimizzazione, tracciamento, aggiornamento e modifica dei contenuti
  • Promozione dei contenuti
  • Sviluppare nuove idee di contenuto
  • Comunicare con il tuo team (se sei abbastanza fortunato da averne uno)
  • Ricerca di parole chiave
  • Miglioramento dei contenuti relativi al ciclo di vendita
  • Aggiornamento del tuo calendario editoriale
  • Eccetera, eccetera.

Di quali competenze hai bisogno per diventare un content manager di successo?

Cosa fa il content manager

È difficile dire esattamente quali competenze siano necessarie per il semplice fatto che le responsabilità di un content manager variano a seconda di fattori come:

  • Il tuo ruolo specifico nella gerarchia di marketing dell’azienda per cui lavori
  • Se lavori per un singolo brand (strategist interno) o per più brand (che lavora per un’agenzia o come libero professionista)
  • Gli obiettivi specifici dell’azienda per cui lavori

Indipendentemente dalla tua situazione, tuttavia, gli obiettivi della content strategy dei brand che vogliono ottenere profitto rimangono gli stessi. Ed in genere sono:

  1. Conoscere le tue fondamenta dell’azienda
  2. Conoscere il proprio pubblico e il posizionamento del brand
  3. Comprendere e scovare le giuste keywords
  4. Costruire la propria autorevolezza
  5. Creazione di contenuti
  6. Calendario editoriale e post-pubblicazione

Per utilizzare questi core strategici ed avere successo, avrai bisogno di  diverse abilità, vediamole brevemente.

Conoscere le tue fondamenta

  • Capacità di definire correttamente un fattore di differenziazione del contenuto
  • Comprensione di come definire, tracciare e generare ROI all’interno di una content strategy
  • Capacità di definire una nicchia e un argomento in cui i tuoi contenuti possono rendere te e/o il tuo marchio un’autorità

Scoperta del pubblico e posizionamento del brand

  • Capacità di identificare e creare l’alias del tuo giusto pubblico target
  • Capacità di mappare il target per indirizzarlo nel funnel di vendita
  • Comprensione di come creare e mantenere coerente lo stile del brand

Comprensione delle parole chiave

  • Consapevolezza di come eseguire la ricerca di parole chiave
  • Capacità di definire gli obiettivi della content strategy e scegliere le parole chiave corrette per il target in base a tali obiettivi
  • Comprensione dei fattori di posizionamento SEO
  • Capire il modo in cui i diversi tipi di parole chiave (coda lunga, coda media, ecc.) sono correlati con le diverse fasi del funnel di vendita

Costruire la propria Autorevolezza

  • Possibilità di creare contenuti “evergreen” che generano traffico organico
  • Sapere strutturare la “content authority”
  • Saper fare link building
  • Capacità di utilizzare i social media per promuovere correttamente i contenuti (e creare backlink)
  • Creare guest post per generare ROI

Creazione pratica di contenuti

  • Capacità di generare costantemente idee brillanti
  • Comprensione di come utilizzare strumenti in grado di migliorare l’efficienza della creazione di contenuti
  • Possibilità di creare contenuti per ogni fase del funnel di vendita
  • Capacità di creare contenuti che abbiano valore SEO e che creano consapevolezza del brand

Calendario editoriale e post-pubblicazione

  • Capacità di promuovere con successo i contenuti
  • Comprensione di quanto i social media e l’email marketing collaborino con il content marketing
  • Capacità di impostare budget adeguati ai contenuti
  • Capacità di creare un calendario editoriale
  • Capacità di tracciare e aggiornare correttamente i contenuti nel tempo
  • Capacità di eseguire un controllo dei contenuti
  • Capacità di gestire un team di content creator

Diventare content manager è difficile?

Certo che può esserlo.

Diventare un content manager significa molto più che sviluppare una comprensione generale del marketing dei contenuti e della strategia che lo circonda.

Piuttosto, si tratta di immergersi in profondità e capire come ogni parte del ciclo di marketing dei contenuti funzioni insieme.

Dopotutto, il tuo obiettivo primario è aumentare le vendite e la redditività.

Se ciò fosse facile, non ci sarebbero oltre 25 milioni di risultati per la ricerca di Google “come aumentare le vendite“.

aumentare le vendite

E sebbene non sia necessario avere un QI di 160 per comprendere la content strategy, è necessario avere una mentalità tendente alla costante crescita e volontà di imparare come tutto ciò funzioni insieme.

 

Leave a Reply